VECCHI GIOCHI, TECNOLOGIE NUOVE

Prendi un vecchio gioco, di oltre vent’anni fa, un labirinto di legno con dentro una pallina di metallo da manovrare con due manopole, ma guardalo con gli occhi di quattro studenti di web e interaction: design minimale e sofisticato, un sensore di rilievo di movimento e nuove tecnologie a renderlo attraente anche per un bambino di oggi. Quello che non cambia, tra il vecchio gioco e il Labyrinth di Hart Studio, è il divertimento immediato e l’empatia che si crea con la macchina.

QUATTRO STUDENTI E UN PROGETTO AMBIZIOSO

“Il problema, in Italia, è che questa consapevolezza manca ai cittadini, anche ai nostri coetanei ma anche alle istituzioni, e la stampa non sempre informa nel modo giusto” spiega Amerigo Ievoli, insistendo su come invece, in un settore come quello del web e delle nuove tecnologie, si possa crescere rapidamente e bene anche partendo dal basso, “basta avere buone idee, impegnarsi al massimo e crederci”. Aiutati anche da “un senso estetico molto sviluppato, tipico di noi italiani, che nel design può fare la differenza”, commenta Daniele Sauzzi, che dei quattro è certamente quello più attratto dalle arti visive. Su una cosa, però, bisogna intervenire secondo i ragazzi, e cioè la scuola: lo studio di materie come l’interaction design “darebbe alle nuove generazioni la possibilità di conoscere un settore in grande sviluppo e fargli capire che la tecnologia non è solo social network” continua Sauzzi. Gli fa eco Marco Notarianni, secondo cui il loro percorso “segue una concezione completamente diversa del modo di studiare e conoscere una professione: noi non stiamo solo sui libri, ma cresciamo soprattutto attraverso la pratica e la sperimentazione”.

Hart Studio – la web interaction è un gioco serio

FUTURO
Crescita attraverso il crowdfunding di Indiegogo, sviluppo del Labyrinth in chiave social, maggiori diffusione e comunicazione dei progetti: questo, in sintesi, sarà il 2015 di Hart Studio. “Saremo concentrati sulle cose che ci piacciono: se poi questo diventa un vero lavoro siamo felici, ma ciò che conta davvero è conoscere gente, condividere, crescere. E divertirci, sempre”.

@CloProietti

Fonte (http://www.tomatomag.com/magazine/it/hart-studio-la-web-interaction-e-un-gioco-serio/)

Lascia un commento

OLD GAMES, NEW TECHNOLOGIES

Get an old game, over twenty years ago, a wooden maze with a metal ball to maneuver with two knobs, but look at it with the eyes of four web students and interaction: minimal design and sophistication, a prominent sensor movement and new technologies to make it attractive to a toddler today. What does not change, between the old game and the Hart Studio Labyrinth, is the immediate fun and empathy that is created with the car.

FOUR STUDENTS AND AMBIENT PROJECT

“The problem in Italy is that this awareness is lacking for the people, even for our peers and institutions, and the press does not always inform the right one,” explains Amerigo Ievoli, insisting on how, in a sector such as the web and new technologies, you can grow quickly and well even from the bottom, “just have good ideas, commit to the maximum and believe it.” Helped by “a very developed aesthetic sense, typical of us Italians, who can make a difference in design,” comments Daniele Sauzzi, who is certainly the most attracted to the visual arts. On one thing, however, it is necessary to intervene according to the children, namely the school: the study of subjects such as interaction design “would give new generations the opportunity to know a highly developed sector and make it understand that technology is not just social network “continues Sauzzi. Echoes Marco Notarianni, according to which their path “follows a completely different conception of the way of studying and knowing a profession: we are not only books, but we grow above all through practice and experimentation.”

Hart Studio – web interaction is a serious game

FUTURE

Growth through Indiegogo’s crowdfunding, the development of Labyrinth in a social, more widespread and communication of projects: this, in short, will be Hart Studio’s 2015. “We will be focused on what we like: if this becomes a real job we are happy, but what really matters is knowing people, sharing, growing. And have fun, always.”

@CloProietti

Fonte (http://www.tomatomag.com/magazine/it/hart-studio-la-web-interaction-e-un-gioco-serio/)

Lascia un commento